raster-noton. archiv für ton und nichtton : raster-noton. pisa/italy: fosfeni festival

You may not have everything you need to view certain sections of this web site.
Please install or update "Flash Player" which is available for free here.
Please also make sure you have JavaScript enabled.

If you use some kind of screenreader or other non visual browser you can get the most important informations from the list below.

APR 16 2010 | pisa/italy: fosfeni festival

alva noto_unitxt . live @ fosfeni festival, la città del teatro, via toscoromagnola 656, cascina, pisa, italy, 22:00pm.

Alva Noto è la sigla sotto cui agisce l’artista visivo Carsten Nicolai come performer di musica elettronica.
Nato a Karl-Marx-Stadt nell’ex Germania Est nel 1965, Nicolai appartiene ad una generazione di artisti che opera nell’area di transizione tra arte e scienza. Il suo talento si è affermato in esposizioni importanti, come Documenta X a Kassel, le 49sima e 50sima Biennale d’Arte Contemporanea a Venezia, per approdare nei musei più prestigiosi del pianeta.
La sua attività come Alva Noto riflette la sua estetica di artista visivo: Alva Noto si presenta come un fabbricante, un generatore di suoni, visto che opera principalmente al computer, e si colloca idealmente in un ambito espressivo dove convivono l’avanguardia storica, tra influenze di John Cage e Morton Subtonick, il minimalismo iterativo, la musica industriale, la ricerca glitch, incrociati alle teorie della meccanica quantistica a pratiche di costruzione e decostruzione sonora.

Negli anni Alva Noto si è confrontato creativamente con numerosi altri musicisti, come i Pansonic, Scanner, Ryuichi Sakamoto, marchiando ogni collaborazione con la sua ricerca sonora. Dal disco “Kerne” del 1998, ai successivi “Prototypes” del 2000, “Transform” del 2001, per arrivare alle produzioni più recenti Alva Noto ha definito nuovi aspetti e linguaggi della musica elettronica contemporanea.

A Cascina Alva Noto presenterà una delle sue creazioni più recenti: “Unitxt”.
“Unitxt” è caratterizzata da un approccio ritmico profondo, che si collega ad un’opera precedente quale “Transpray” del 2004. Lo stesso Nicolai ne suggerisce differenti letture, come combinazione di “Unit Extended” riferito ad una unità di griglia ritmica o di “Universal Text”, riferito ad un linguaggio universale, come la matematica, le costanti, ecc. In tutti i modi “Unitxt” riflette tutta la magia ed il mistero di uno degli artisti punti riferimento della nuova musica d’oggi.

http://www.musicusconcentus.com/

artists:

alva noto