raster-noton. archiv für ton und nichtton : raster-noton. roma/italy: dissonanze

You may not have everything you need to view certain sections of this web site.
Please install or update "Flash Player" which is available for free here.
Please also make sure you have JavaScript enabled.

If you use some kind of screenreader or other non visual browser you can get the most important informations from the list below.

MAY 08 2009 | roma/italy: dissonanze

atom tm_byetone_signal performing @ dissonanze 09, palazzo dei congressi, aula magna, roma, italy, from 00.30am.

C'è il marchio TM ad accompagnare la sigla Atom, fare attenzione; ma il trade mark dovrebbe estendersi molto semplicemente su tutta la avventurosa follia artistico-esistenziale del signor Uwe Schmidt. Vi sfidiamo a trovare un altro essere, umano e non, in grado di presentarsi nell'arco della sua carriera di musicista con più di sessanta identità diverse. Più di sessanta? Sì, avete letto bene. E sempre da beffardo fuoriclasse, esercitandosi sull'elettronica colta così come sulla lounge psichedelica, frequentando il noise estremo così come i ritmi sudamericani. Tipo: jazz, IDM e ambient che si incontrano in una cantina cilena, o in una bettola messicana. Il risultato è esaltante. Il risultato è imprevedibile. Il risultato è AtomTM.


Byetone è uno degli alias artistici di Olaf Bender: lo vedremo sì all'opera coi "partner in crime" Carsten Nicolai e Frank Bretschneider nel preziosissimo progetto Signal, ma prima avrà modo di presentarsi in solitaria, pronto a disegnare aeree e visionarie traiettorie digitali. Una vera e propria delizia sinestetica, la sua, dove suoni e immagini interagiscono tra loro, dove le trasformazioni si succedono con un andamento a spirale, assolutamente ipnotico. Le frontiere della percezione traghettate negli abissi di un futuro possibile, con Bender illuminato Caronte.


Musica come avventura. Musica come discorso. Musica come interazione scientifica di regole e casualità. Musica come frontiera estrema delle sperimentazione, in cerca di dialettiche sorprendenti. O, come amano dire i tre artefici del progetto Signal: "musica democratica". Sia come sia, Carsten Nicolai. Frank Bretschneider ed Olaf Bender sono tre geni riconosciuti nel campo della digitalizzazione sonora, nomi di punta di una label - la Raster-Noton - che è pura leggenda. Vederli insieme all'opera è una rara emozione, un vero e proprio evento speciale che partirà dalle tracce del loro progetto "Robotron" per arrivare, passo dopo passo, a percorrere le mille democrazie possibili delle percezioni sensoriali.

http://www.dissonanze.it

artists:

atom TM

byetone

signal